.
Slider
(0 Voti)

Federlazio: i giovani imprenditori per la pace

Roma, 26 Ago. (Adnkronos)- I giovani imprenditori della Federlazio si impegnano a guardare oltre le mura della propria azienda e a collaborare con le fasce sociali piu' deboli. Potranno per esempio commissionare qualche lavoro ai centri produttivi delle comunita' di recupero per tossicodipendenti, o assumere, quando serve, qualche ragazzo nelle proprie aziende. In ogni caso le tremila realta' produttive del Lazio seguiranno da vicino l'attività delle comunità, la diffonderanno periodicamente attraverso i bollettini e perciò, quando sarà possibile le aziende ne usufruiranno garantendo così, una comunicazione costante con il mondo del lavoro.

I giovani della Federlazio e la comunità ''Exodus'' di Don Mazzi si incontreranno, infatti, a Cassino, il 2 settembre, per tre giorni e discuteranno insieme di pace e di solidarietà. Un'iniziativa che il ministro della Famiglia Antonio Guidi ha definito ''esemplare'' e che garantisce ''lo sviluppo e il progresso civile ancora prima che quello economico''. A sostegno di questa collaborazione tra mondo dell'impresa e fasce piu' deboli, ''un patto di solidarieta' che gia' esiste in altri paesi d'Europa'', il ministro ha affermato la sua volonta' di portare il problema nei prossimi consigli dei ministri. Defiscalizzazione e collaborazione con gli enti locali sono la prima cosa da realizzare e su questo, assicura Guidi ''c'e' un protocollo d'intesa con gli altri ministri''. Si tratta' infatti, di un problema molto serio, infatti, come ha sottolineato la segretaria nazionale della Federlazio ''lo sviluppo della produzione non garantisce lo sviluppo dell'occupazione, che, anzi, diminuira' a causa dell'incremento di nuove tecnologie''.

Letto 194 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Donazione on line

Un ringraziamento davvero speciale a...

Slider