La Comunità
(0 Voti)

Non so se altrove è lo stesso, ma dalle nostre parti in questi giorni fioriscono i gigli. Sono fiori eleganti, stelo lungo, di grande portamento, eppure non hanno la puzza sotto il naso e spuntano senza problemi vicino all'erbaccia, anche sui bordi delle strade, senza troppe cerimonie.

Guardate i gigli del campo. Nel testo originale il verbo è più intenso, si potrebbe tradurre meglio con guardate attentamente o anche imparate. Il Maestro fece questo invito rivolto a quelli che si danno l'importanza delle persone impegnate, sempre in affanno per mille preoccupazioni. Con tutte le vostre ansie, diceva, non riuscirete ad essere così belli, semplici e pacifici come loro.
Questa frase mi ritorna in mente oggi, con un tono diverso, quasi come un ordine di fronte al campionario di cattive notizie presentato come al solito dalla macchina dell'informazione. Corruzioni, violenze, omicidi, che riempiono le righe, si accavallano nei notiziari in una specie di gara al peggio. Guardate piuttosto i gigli del campo, mi sembra che dica, non state a soffermarvi sugli scandali. Anche San Paolo lo dice chiaramente: la carità non tiene conto del male.
Quanto è più comoda e in fondo egoista la diffidenza, quanto coraggio invece richiede la fiducia!
Guardate i gigli del campo, è un invito ad uno sguardo aperto e libero che mi arriva oggi con il volto, la voce, il ricordo di Liliana. Carico di meraviglia e stupore. Era il suo lo sguardo, così semplice ed umile da apparire a volte ingenuo. Liliana, lilium, giglio.
Mi sembra che le sua vita, che il compimento della sua vita sia raccolta dentro questo richiamo ai suoi ragazzi e ai suoi compagni di strada: guardate i gigli del campo.
Liliana poi aggiungerebbe: i giorni dell'uomo sono come un turno di veglia nella notte, sono come un sogno del mattino, come l'erba che germoglia. Al mattino germoglia e fiorisce, alla sera è falciata e avvizzisce.
È il destino dei gigli.

Letto 7 volte Ultima modifica il Mercoledì, 07 Novembre 2018 12:47

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Donazione on line

Un ringraziamento davvero speciale a...

Slider