Team building
(0 Voti)

Perchè le competenze non fanno la differenza.

Nessuno si illuda!

In una comunità educativa le competenze degli operatori e le loro abilità educative sono necessarie, soprattutto se sono in formazione permanente, ma non sono sufficienti a rispondere in pieno al mandato educativo che, anche per legge, dobbiamo avere.

Le competenze, sempre aggiornate, ci consentono di maneggiare con disinvoltura gli strumenti con cui fare il nostro lavoro : la relazione significativa e il progetto educativo.

Ma nella vita di comunità, come del resto in qualsiasi altro lavoro, sono molti i momenti in cui bisogna superare ostacoli, stanchezze, frustrazioni, fatiche. Nel nostro lavoro ogni giorno viviamo la gestione del conflitto con gli adolescenti. Gli operatori sanno bene che l'adolescenza è tipicamente un momento in cui si genera il conflitto eppure non sono pochi i colleghi che entrano "nelle paludi" e si immobilizzano.

Le competenze in quel caso non bastano anzi al contrario possono essere addirittura una zavorra per tirarci ancora più giù. Per esempio quando nella nostra mente girano pensieri della serie : "ma come, dopo aver tanto studiato non riesco nemmeno a risolvere questa situazione", "ma io non ho studiato per questo", etc... tutti rigorosamente pensieri distruttivi.

E' così che si crea finalmente l'occasione per alzare lo sguardo, iniziare a guardare un orizzonte di senso, interrogarsi su le ragioni profonde del nostro fare. Il quotidiano con i suoi ritmi veloci ci fa guardare sempre in basso, ci fa perdere i motivi originari per cui abbiamo scelto un certo corso di studi o proprio quel lavoro.

E' il momento di chiedersi : ma quali sono i miei valori, i miei principi ispiratori ? E come e dove li faccio crescere ?

Nelle difficoltà del quotidiano, nei contrasti con i ragazzi, con i colleghi, nella trappola della routine di tutti i giorni e in queste tempeste che bisogna avere una bussola per orientarsi.

E allora la prossima volta che mi capiterà di selezionare un collega prima dei certificati di carta, gli farò quelle domande che lasciano sempre un pò interdetti, della serie...

ma tu della tua vita sei il protagonista o una comparsa? quante volte nella vita ti è capitato di dire : ti amo, perdonami, ti ho perdonato e grazie ?

Dr. Luigi Pietroluongo 

Coordinatore di Comunità per Minori

Letto 237 volte Ultima modifica il Giovedì, 15 Febbraio 2018 22:19
Luigi Pietroluongo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Staff

Luigi Pietroluongo
Luigi Pietroluongo
Formatore

Richiedi informazioni

Contattaci per saperne di più

Un ringraziamento davvero speciale a...

Slider